Guida: Come mai fra i miei referrer c’è anche il mio sito?

 In Guida

Questa è una di quelle domande che mi sento fare più spesso. In effetti, se analizzo la lista dei siti che hanno generato traffico sul mio sito, non mi aspetto di leggere anche il mio, anche perché su di esso non saprei fare alcuna considerazione analitica..

La risposta si può dividere in due:

  • sul tuo sito sono presenti Splash Pages o Frame che non presentano il codice di tracciamento.
  • un visitatore è inattivo, oppure lascia il browser aperto sul sito per più di 30 minuti e successivamente riprende l’attività cliccando su un link presente sul sito, Google Analytics considererà la pagina visualizzata come facente parte di una nuova sessione, con referrer il sito stesso.

In entrambi i casi, c’è qualcosa che non va. Ma, se nel primo caso posso correggere manualmente il mio errore (ed inserire il codice anche in quelle pagine), nel secondo non ho molte alternative se non quella di utilizzare la funzione _addIgnoredRef() che consente di trasformare il traffico da un certo referrer in traffico diretto. Si tratta, dunque, di uno specchietto per le allodole: faccio sparire il mio sito dall’elenco dei referrer, ma in realtà ho solo spostato la polvere sotto al tappeto, perché a livello analitico non ho una corretta attribuzione della fonte.

E nel caso in cui il mio sia un marchio internazionale? Se ho diversi domini facenti riferimento allo stesso marchio? Per esempio: www.miosito.it, www.misosito.com, ecc.. Posso tracciare tutti i domini all’interno della stessa Web Property (con UA-xxxxx-1) impostando diversi profili con filtri sul nome host. Attenzione però che i click da un dominio all’altro produrranno nuove visite (ovviamente con referrer “interno”). Per risolvere questo problema va modificato lo script del codice di tracciamento, utilizzando la funzione _link() nel passaggio da un dominio all’altro (esempio:  <a href=”http://miosito.com/test.html”onclick=”_gaq.push([‘_link’, ‘http://miosito.com/test.html’]); return false;”>Clicca qua</a>) senza dimenticarsi di impostare anche le funzioni ‘_setDomainName’, ‘none’ e ‘_setAllowLinker’, true.

Articoli consigliati

Leave a Comment